FAQ

Cosa cura la Naturopatia? Come lavora una Naturopata? Che tipo di servizi offre?

Come si svolge un consulto naturopatico, a chi si rivolge, quanto dura e di quali strumenti si avvale?

Qui trovi tutte le risposte alle domande più frequenti.
Se desideri ricevere maggiori informazioni, scrivi una mail a alessia.dondero@yahoo.it

e sarò felice di risponderti!

Domande frequenti

Cos'è la Naturopatia?

Centralità della persona ed equilibrio mente-corpo: sono queste le chiavi della Naturopatia, una scienza multidisciplinare che si compone di molteplici saperi e differenti tecniche che si occupano del trattamento e della promozione dello stato di benessere della persona dal punto di vista costituzionale, fisico, emotivo ed energetico.

La Naturopatia non entra in competizione con la medicina “ufficiale” ma anzi con essa collabora favorendo pratiche di riequilibrio, educando alla salute e contribuendo al ripristino del benessere globale della persona. 

Cosa cura il Naturopata?

Il Naturopata è un professionista in Discipline Bio-Naturali che possiede un ampio bagaglio culturale e si avvale di specifiche conoscenze e competenze che il più delle volte giungono da culture e tradizioni millenarie (si pensi ad esempio all’ayurveda, alla medicina tradizionale cinese o alle tecniche igienistiche naturali riconducibili ad Ippocrate, il primo medico del benessere, e alla medicina mediterranea). Non essendo una figura medica, il Naturopata non fa diagnosi e non prescrive farmaci né diete.

Tre sono i principali compiti di un Naturopata:


1. educare: divulga infatti informazioni sul corretto stile di vita, su tecniche da utilizzare, sull’alimentazione più idonea alla propria condizione e costituzione, dando anche suggerimenti per mantenere il proprio benessere;
2. fare prevenzione: correggendo i comportamenti sbagliati, il Naturopata aiuta il cliente a prevenire l’insorgenza di disturbi che possono condurre alla malattia. Prevenire è infatti un’azione fondamentale, che aiuta a mantenere il benessere a lungo termine;
3. offrire trattamenti per il benessere: il Naturopata non interferisce in alcun modo con le cure mediche che il cliente sta seguendo, ma può affiancare terapie olistiche, come trattamenti per il benessere o tante altre tecniche, e consigli sull’uso di integratori alimentari o altri rimedi naturali che permettano di migliorare lo stato energetico della persona, affrontando in questo modo non solo gli squilibri fisici ma anche quelli emotivi.


Compito del Naturopata è considerare la persona nel suo complesso, dato dalla perfetta unione di mente e corpo e agire sulla salute intervenendo sui tre aspetti che la compongono: biochimico, mentale, strutturale.

Questo permette di risalire alle cause che possono aver favorito lo squilibrio, così che possa adoperarsi per sviluppare maggiore consapevolezza nella persona affinché possa correggere lo stile di vita.

Quando andare dal Naturopata?

La maggior parte delle persone si rivolge al Naturopata quando ha un problema di qualche tipo, per un aiuto ulteriore da affiancare alle terapie e cure mediche che sta seguendo.
Può rivelarsi una figura utile per quelle persone che non hanno particolari malattie in corso, ma non stanno comunque bene, perché troppo stressate o spossate, a causa di uno stile di vita troppo frenetico o scorretto, per cui gestire anche le piccole cose nel proprio quotidiano diventa difficile e fonte di malessere emotivo.
Il Naturopata è una figura che opera in ambito di prevenzione primaria, per cui anche chi sta bene, ma vuole mantenere il proprio stato di benessere, può approfittarne per richiedere un consulto e ricevere indicazioni comunque utili. Dovrebbero rivolgersi ad un Naturopata tutte le persone che hanno capito quanto sia importante prendersi cura di se stessi valutando i diversi aspetti della propria vita in modo da poter agire sulle cause e non sui sintomi, ottenendo così una salute davvero duratura.

A chi si rivolge il Naturopata?

La Naturopatia funziona con successo sulle persone di tutte le età, dagli 0 ai 99 anni

ed estende i suoi benefici anche alle fasi più delicate dell'esistenza: infanzia, gravidanza, terza e quarta età.  

Quali sono gli strumenti di lavoro della Naturopatia?

  • Medicina Tradizionale Cinese: un antico e complesso sistema medico comprendente tecniche come cromopuntura moxibustione, massaggi, una farmacopea tradizionale e varie altre indicazioni che riguardano la dieta e lo stile di vita.

  • Reflessologia: alcune parti del corpo, come le mani, i piedi e le orecchie riflettono gli organi del nostro organismo. Operando un massaggio e andando a stimolare i punti che si riferiscono a un determinato organo, si agisce ripristinando il corretto flusso energetico dell’organo stesso;

  • Kinesiologia: si tratta di una tecnica che permette di valutare lo stato energetico dei meridiani e di conseguenza degli organi associati, attraverso alcuni test muscolari. Anche in questo caso lo scopo è individuare quali coppie di meridiani sono energeticamente non in equilibrio e possono causare a loro volta altri problemi;

  • Iridologia: anche l’occhio è una delle parti del corpo che riflette tutti gli organi. L’analisi dell’iride e delle sue parti permette di avere diverse indicazioni dal punto di vista energetico. L’iridoscopio utilizzato dal Naturopata consente di analizzare lo stato energetico della persona nel suo complesso;

  • Fisiognomica: il volto rivela molto della nostra salute psico-emotiva e compito del Naturopata è individuare e leggere quei segni che possono indicare difficoltà legate alle varie parti del nostro corpo.

Quali rimedi consiglia il Naturopata?

  • Sono molteplici i rimedi che il Naturopata conosce e può consigliare. Tra questi troviamo sicuramente le piante officinali sotto forma di Gemmoderivati, Tinture Madri o Estratti secchi, che permettono un uso più specifico della pianta a seconda del disturbo: problemi digestivi, di ciclo mestruale, di sonno, di circolazione, gonfiore, carenza di energia, mal di testa, dolori articolari, possono essere affrontati efficacemente con la fitoterapia. 

  • Abbiamo poi gli oli essenziali, una categoria di rimedi molto potenti che è necessario conoscere a fondo per riuscire a trarne i maggiori benefici senza incorrere in problematiche date dall'inesperienza e dall'improvvisazione. La micoterapia e le integrazioni nutrizionali (vitamine, oligoelementi, pre e probiotici) sono altrettanto efficaci.

  • Infine i rimedi vibrazionali, tra cui Fiori di Bach, Australiani, Italiani e Matricis Lumen, risultano utilissimi per lavorare sullo stato emotivo della persona: rabbia, gelosia, angoscia, ansia, preoccupazione, paura, fluttuazioni dell’umore possono risolversi tramite l’uso della floriterapia.

Quanto tempo serve per avere benefici?

Solitamente nell'arco di due-tre settimane si inizia a sentire i primi benefici, ma è comunque una valutazione soggettiva: molto dipende dallo stato di salute generale della persona, dalla sua costituzione, dall'età, dalla presenza o meno di disturbi cronici.

Non bisogna mai dimenticare che la Naturopatia non cura il sintomo: il miglioramento che si ha è direttamente conseguente a un riequilibrio delle condizioni energetiche generali dell'organismo, e come tale i benefici si manifestano progressivamente nel tempo.