Le Tredici Notti Sante

Aggiornamento: 10 nov 2020

Sapevi che le notti comprese tra il 24 dicembre e l'Epifania influenzano profondamente l'anno nuovo?


Nella sua Scienza dello Spirito, l'ideatore dell'antroposofia Rudolf Steiner insegna che le giornate tradizionalmente dedicate alle Feste sono spiritualmente molto significative. Non a caso, sono anche i giorni i più bui dell’anno, quelli immediatamente successivi al Solstizio d'Inverno, nei quali l'anima, in balia dell'oscurità, attinge alla propria luminosità interiore (anche Camus parlava di estate interiore come di un momento di massima consapevolezza in cui il sole spirituale illumina tutto dall'interno).

il solstizio d'inverno è il giorno in cui le ore di luce sono uguali alle ore di buio.

Proprio in virtù di questo processo, in questo periodo il corpo fisico mostra una particolare risonanza col mondo spirituale. Le Tredici Notti Sante, qui c'è il trattato completo, rappresentano i simboli delle dodici forze dell’anima che vivono in noi (la Tredicesima notte è epifanicamente rappresentativa del loro insieme). Come vedremo, nella versione di Herbert Hahn che proviene direttamente da Steiner, è stata fatta un’associazione tra le Notti e i Segni Zodiacali. Ho quindi voluto associare a ciascun segno le rispettive tematiche mutuate dalla disciplina spagiryca di Paracelso, che troverete nella tabella riepilogativa.


A tal proposito, ricordo che nella visione spagyrica i segni zodiacali non hanno attinenza con le costellazioni ma con lo stato della solarità in un determinato periodo dell’anno, che varia a seconda delle stagioni e dei mesi. Ciascun segno zodiacale ha quindi a che fare con un preciso periodo temporale, con un determinato momento della vita (che segue il ciclo di nascita, crescita, maturazione, senescenza e morte esattamente come tutta la natura) e con una prova che quella stessa fase della vita richiede. Le tematiche suggerite, quindi, possono fungere da ulteriore spunto di riflessione e indagine nel corso delle Tredici Notti Sante, secondo quelle che sono le personali affinità di ciascuno di noi.


LE TREDICI NOTTI SANTE RAPPRESENTANO UN INVITO AD ENTRARE IN COMUNICAZIONE CON NOI STESSI. Utilizzare queste giornate per dedicarsi ad esercizi di introspezione e ascolto cosciente potrebbe rivelarsi particolarmente proficuo per lavorare su temi che daranno un'impronta importante ai dodici mesi che ci attendono. Vediamo come.  Le Tredici Notti Sante vanno dal 24 dicembre (la sera della Vigilia) al 6 gennaio (Epifania). Il lavoro da fare si basa essenzialmente sul rispecchiamento. Ad ognuna di queste notti corrisponde simbolicamente un mese dell’anno appena trascorso e uno di quello che verrà: proprio come di fronte ad uno specchio, i dodici mesi passati si rispecchiano nel presente su quelli a venire. Così, la notte del 24 dicembre rispecchia l’ultimo mese dell’anno passato (dicembre) ma anche il primo dell’anno che segue (gennaio). La seconda notte, quella del 25 dicembre, corrisponde al novembre appena trascorso e al febbraio futuro. La terza notte rispecchierà l’ottobre trascorso e il marzo in arrivo. Così via, fino al dodicesimo giorno. La tredicesima notte, quella dell’Epifania, rappresenta una sintesi dei due anni completi. Per cogliere al meglio i messaggi che arriveranno, sarà opportuno affrontare queste Sante Notti svegli (quantomeno nello Spirito!) e molto consapevoli, perché proprio in questi momenti semineremo i semi per i prossimi 12 mesi e faremo il bilancio di quelli appena trascorsi

COME FUNZIONA, NELLA PRATICA Il lavoro delle Notti Sante può essere fatto in solitaria o in compagnia, vanno bene anche piccoli gruppi di persone che desiderano riunirsi brevemente ogni giorno per condividere le proprie riflessioni. L’importante è essere regolari e costanti: cercate di non lasciar passare le giornate senza trovare il tempo – bastano anche pochi minuti, prima di addormentarsi o al risveglio – per raccogliere le vostre considerazioni e osservazioni. 


Per prima cosa, annotate in maniera sintetica, su un quaderno o nell'agenda, i principali avvenimenti o le tematiche interiori che, nel bene o nel male, hanno caratterizzato i mesi dell’anno appena trascorso: ripercorrendo a ritroso l’anno che volge al termine, ritrovate i vostri eventi importanti, gli scenari in cui eravate immersi, gli incontri significativi, gli stati d’animo prevalenti. Per la notte del 24 dicembre ripenserete al mese di dicembre, per quella del 25 dicembre ripenserete a novembre, e così via a ritroso nel tempo. Cercate di cogliere, per ogni mese, la giusta sfumatura. A seguire, a partire dalla sera del 24 dicembre, cercate di essere il più possibile vigili e ricettivi, di osservare, sentire la quotidianità di questi giorni con i sensi più sviluppati. Al risveglio scrivete i sogni che avete fatto la notte precedente (fatelo prima che svaniscano). Fate caso alle immagini che vi arrivano, alle ispirazioni, alle idee nuove, ai colori, ai sentimenti e alle emozioni in sottofondo, segnate anche eventuali avvenimenti importanti accaduti nel mondo: sarà interessante confrontare tutti questi elementi con quello che realmente vivrete nei mesi corrispondenti del nuovo anno. 


In futuro scoprirete tante piccole e grandi connessioni tra questi giorni e l’andamento dell’anno in corso, anche a partire dalla semplice osservazione delle condizioni climatiche (ad esempio se il 28 dicembre sarà piovoso lo sarà anche il corrispondente prossimo mese di aprile?). 


Conservate tutte le vostre riflessioni, così sarà facile tenere traccia di questo lavoro quando lo riprenderete nel corso dell’anno, e soprattutto quando il periodo delle Notti Sante ritornerà. 

Occorrente: carta, penna, qualche candela per creare la giusta atmosfera



Questo disegno si vede spesso, anche come copertina di libri di astronomia. L'originale è apparso nel volume "L'atmosphère: météorologie populaire" (1888) di Camille Flammarion. Che fu un astronomo e grande divulgatore francese, e anche fratello di Ernest, che fondò il gruppo editoriale Flammarion, ancora oggi uno dei maggiori di Francia. Non si conosce l'autore dell'opera, il cui originale era un'incisione su legno, non colorata. Che comunque rappresenta un uomo che "sbuca" al di fuori della sfera celeste che sovrasta un mondo piatto. Nell'originale, c'è una didascalia che dice "Un missionario medievale sostiene di aver trovato il luogo dove i cieli e la Terra si incontrano".

E ADESSO... RIEPILOGHIAMO! 

Nello schema che segue trovate tutti i concetti fin qui espressi messi in ordine, in modo che chi desidera prepararsi a lavorare sulle Tredici Notti possa destreggiarsi facilmente notte dopo notte senza perdere il filo.


1- Prima Notte Santa


tra il 24 e il 25 Dicembre – questa notte riverbera il mese di Dicembre del vecchio anno e determina il mese di Gennaio del nuovo anno


Il suo segno è il Capricorno


Temi di riflessione: Realizzazione, Concentrazione, Laboriosità, Rigore

2- Seconda Notte Santa


tra il 25 e il 26 Dicembre – questa notte riverbera il mese di Novembre del vecchio anno e determina il mese di Febbraio del nuovo anno


Il suo segno è l’Acquario


Temi di riflessione: Astrazione, Idealità, Rigorosità, Solarità interiore, Ispirazione, Intuizione 



3- Terza Notte Santa


tra il 26 e il 27 Dicembre – questa notte riverbera il mese di Ottobre del vecchio anno e determina il mese di Marzo del nuovo anno


Il suo segno è Pesci 


Temi di riflessione: Disponibilità, Accettazione, Ricettività, Abbandono, Fede, “Così sia” 



4- Quarta Notte Santa 


tra il 27 e il 28 Dicembre – questa notte riverbera il mese di Settembre del vecchio anno e determina il mese di Aprile del nuovo anno 


Il suo segno è Ariete


Temi di riflessione: Forza, Determinazione, Entusiasmo, Speranza, Istinto, Bisogno, Volontà egoica (IO VOGLIO)

5- Quinta Notte Santa


tra il 28 e il 29 Dicembre – questa notte riverbera il mese di Agosto del vecchio anno e determina il mese di Maggio del nuovo anno


Il suo segno è Toro


Temi di riflessione: Sussistenza, Nutrirsi, Conservazione, Accrescimento, Ricettività, Competenza, Sicurezza, Stabilità



6- Sesta Notte Santa 


tra il 29 e il 30 Dicembre – questa notte riverbera il mese di Luglio del vecchio anno e determina il mese di Giugno del nuovo anno


Il suo segno è Gemelli


Temi di riflessione: Relazione, Scambio, Comunicazione, Linguaggio, Stupore, Curiosità, Scoperta



7- Settima Notte Santa 


tra il 30 e il 31 Dicembre – questa notte riverbera il mese di Giugno del vecchio anno e determina il mese di Luglio del nuovo anno Il suo segno è Cancro  Temi di riflessione: Gestazione, Nutrire, Accudire, Sensibilità, Accoglimento, Compassione 8- Ottava Notte Santa  tra il 31 Dicembre e il 1° Gennaio – questa notte riverbera il mese di Maggio del vecchio anno e determina il mese di Agosto del nuovo anno Il suo segno è Leone Temi di riflessione: Centralità, Creatività, Personalità, Gioia, Ragione, Desiderio, Volontà Identitaria. Rappresenta il momento del “silenzio più profondo”, fine e inizio anno terrestre. In questa notte scegliamo un desiderio particolare da consegnare al nuovo anno che si realizzi nell’anno per il nostro bene e quello di tutti. 9- Nona Notte Santa tra il 1° e il 2 Gennaio – questa notte riverbera il mese di Aprile del vecchio anno e determina il mese di Settembre del nuovo anno Il suo segno è Vergine  Temi di riflessione: Discernere, Analizzare, Dividere, Conoscere, Razionalità, Selettività, Senso Critico. 10- Decima Notte Santa  tra il 2 e il 3 Gennaio – questa notte riverbera il mese di Marzo del vecchio anno e determina il mese di Ottobre del nuovo anno Il suo segno è Bilancia  Temi di riflessione: Rispecchiamento, Coscienza, Consapevolezza, Riflessione, Introspezione, Grazia 11- Undicesima Notte Santa  Per approfondire tra il 3 e il 4 Gennaio – questa notte riverbera il mese di Febbraio del vecchio anno e determina il mese di Novembre del nuovo anno il suo segno è Scorpione Temi di riflessione: Purificazione, Lotta Interiore, Trapasso, Ripiegamento, Macerazione, Trasmutazione  12- Dodicesima Notte Santa  tra il 4 e il 5 Gennaio – questa notte riverbera il mese di Gennaio del vecchio anno e determina il mese di Dicembre del nuovo anno Il suo segno è Sagittario Temi di riflessione: Espansione, Comprensione, Coraggio, Altruismo, Intelletto, Dedizione, Divenire, Volontà Consapevole 13- Tredicesima Notte Santa tra il 5 e il 6 gennaio – è la notte dell’ Epifania, in cui si riverbera tutto l’anno passato e determina tutto l’anno futuro Il suo genio astronomico è il Sole

Temi di riflessione: Amore, Orgoglio, Pigrizia



“Le Tredici Notti Sante e il Natale Antroposofico” di Giorgio Tarditi Spagnoli ricapitola l’intera storia dell’umanità: dall’Era Lemurica, all’Antica Festa di Adamo ed Eva sino al Natale del Cristo, ovvero la discesa dello Spirito Solare entro Gesù di Nazareth.  In ognuna di queste Notti Sante, discendono sulla Terra le forze dello Zodiaco con cui il discepolo della via esoterica può lavorare interiormente.  Un testo per prepararsi al periodo di Natale dal punto di vista scientifico-spirituale e antroposofico.  “L’Albero di Natale è un ricordo dello stato edenico dell’umanità prima dell’ingresso degli spiriti luciferici nel corpo astrale. Un ricordo dell’unione dell’anima umana con le guide angeliche dell’umanità e con il fluire della vita cosmica".
Un testo per approfondire


301 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti